NUOVA AVVENTURA NEL CAMPIONATO NAZIONALE FLAG SENIOR

thumbnail

Piacevole novità in casa GLS Dolphins Ancona.
Domenica 17 luglio a Firenze inizierà l’avventura della squadra flag senior.
Sulla scia delle medaglie conquistate dalla nazionale ai mondiali e ai World Games, con diversi delfini protagonisti, la franchigia dorica ha così deciso di cimentarsi in prima persona in questa specialità.
Essendo una nuova squadra, si partirà dalla seconda divisione, dove i Dolphins sono stati inseriti nel girone centro assieme ad Angels Pesaro, Braves Bologna, Guelfi Firenze e Trappers Cecina.
Previsti tre appuntamenti, tutti sotto forma di “bowl”. A Firenze i delfini dovranno vedersela contro gli Angels alle 13,40 e contro i Trappers alle 15. Gli altri appuntamenti saranno il 31 luglio ad Ancona ed il 4 settembre a Pesaro.
E detto che i Dolphins hanno vinto il loro unico titolo nazionale proprio nel flag football nel lontano 1998 (un torneo di cui pochi si ricordano e che tratteremo più approfonditamente nel corso dell’estate), spazio alle motivazioni che hanno spinto la società ad intraprendere questa avventura.
«È tempo di flag football. I Successi internazionali ottenuti dai nostri atleti -spiega il direttore tecnico di tutte le squadre Dolphins Roberto Rotelli- e dall’Italia ai mondiali e ai World Games dimostrano quanto il flag sia importante e sempre più popolare, con la NFL che spinge per averla come disciplina ufficiale alle olimpiadi di Los Angeles. Assieme a noi debuttano anche le finaliste di quest’anno all’Italian Bowl, Seamen Milano e Guelfi Firenze. Non penso proprio sia un caso».
Cosa dobbiamo aspettarci da questa nuova avventura? «Si parte giustamente dalla seconda divisione. L’obiettivo è fare bene. Siamo convinti di averne le potenzialità. Ma sappiamo che sarà un girone molto duro. Sotto l’aspetto tecnico invece il flag permette di migliorare tracce, skill position e affiatamento tra i ragazzi. Potranno trovare spazio tutti quei giocatori che nel campionato tackle per mille motivi non hanno avuto molti snap da giocare. Non per ultimo, per molti ragazzi sarà la prima prova organizzativa e dirigenziale. Abbiamo delegato tutto a loro, dovranno prendersi le loro responsabilità. Dalla compilazione del roster all’organizzazione delle trasferte, la scelta delle divise da gioco e quant’altro. Insomma, l’esperienza sarà formativa a 360 gradi e tutti avranno da imparare tanto, dentro al campo e fuori».
Allenerà Mattia Gallina. «Sì. Io sarò solo al suo fianco per ogni evenienza. Ma farà tutto Mattia coordinandosi con i giocatori. Viene da una buona stagione con l’under 17 flag. Giusto dargli fiducia. Renzo Gallina, disponibile come sempre, sarà invece il direttore sportivo».
E coach Gallina cosa pensa? «C’è tanto entusiasmo. Vogliamo migliorarci sempre di più. Sarà una sfida accattivante sia per me come allenatore che per i ragazzi, in un campionato, per tutta la società, nuovo. Sono riuscito a portare alcuni ragazzi della mia under 17 e ciò mi rende orgoglioso. Adesso testa e concentrazione alle sfide di Firenze. E poi verso gli altri bowl. Sono già orgoglioso dei miei ragazzi e della squadra. Con alcuni ci conosciamo da dieci anni e l’intesa è perfetta. Sono certo che impareremo molto e ci divertiremo altrettanto».