POLENTA CONFERMATO ALLA GUIDA DELLA U19, PIPPI MOSCATELLI GUIDERÀ LA NEONATA U16

thumbnail

Squadre quadre giovanili tackle, si raddoppia. Alla under 19 due volte finalista nazionale da questo autunno i GLS Dolphins Ancona aggiungeranno ed iscriveranno al campionato Fidaf anche la under 16.
Un impegno non da poco per la franchigia dorica.
Ufficializzati anche i due head coach ed in linea di massima i relativi staff. Nella u19 confermato Andrea Polenta. Nella under 16 il nome è Pierluigi “Pippi” Moscatelli.
Ancora impossibile sapere date di inizio dei campionati, formule e gironi. Ma quel che è certo è che l’attività agonistica del vivaio GLS Dolphins Ancona ripartirà il 26 agosto al Nelson Mandela.
Per illustrare scelte e piani però diamo parola a Roberto Rotelli, head coach della prima squadra nonché direttore tecnico di tutte le rappresentative Dolphins. «Sulla under 19 ho pensato di riconfermare Andrea Polenta ed il suo staff. Hanno lavorato molto bene, sono stati per due volte vice campioni d’Italia. Non vi era motivo per cambiare. Sono certo faranno un buon lavoro anche quest’anno». E la under 16 che è la formazione che desta più curiosità? «Ho scelto Pierluigi Moscatelli perché è un tecnico molto bravo ed esperto. So già che sa lavorare bene con i giovani. Sono certo li aiuterà parecchio a crescere. E’ motivato e sa come motivare. E’ l’ideale per proseguire lo splendido lavoro fatto sin qui da Roberto Imparato ed Enrico Marasca che resteranno nello staff».
Cosa ci si aspetta da queste due squadre?
«La under 19 avrà un ampio rimescolamento per sopraggiunti limiti di età. Ci sarà da lavorare ma nessuno è spaventato per questo. La under 16 sarà l’anticamera della under 19. Non dimentichiamoci che i Dolphins, per scelta, offrono a tutti i giocatori della u19 l’ingresso diretto in prima squadra. Lo scorso campionato han giocato tutti, diversi sono già titolari. Se questo sport ti piace i Dolphins ti offrono più opportunità. Sta a te sfruttarle».
Un ultimo messaggio?
«In questi giorni di agosto chi vuole può allenarsi al Conti con Rik Parker. Poi, dal 26 agosto, sotto col triplice allenamento settimanale: lunedì-mercoledì-venerdì».
E allora dopo le parole del DT Rotelli spazio subito alle prime dichiarazioni di Pippi Moscatelli. «Ringrazio i Dolphins per questa splendida opportunità. Adoro lavorare con i giovani. Le mie parole d’ordine saranno imparare ai ragazzi i fondamentali e cosa sia l’essere una squadra».
Sino ad oggi la under 16 era stata allenata da Imparato e Marasca. «Hanno svolto un lavoro incredibile. Li ringrazio per questo ed infatti alleneranno attacco e difesa della under 16. Avrò bisogno di loro. Perché il football è uno sport di squadra in campo come tra i coach. La loro esperienza e le loro capacità mi saranno molto utili così come quelle di Coach Rotelli e di Rik Parker».
Lo staff sarà composto anche da altri soggetti?
«Stiamo mettendo al loro posto gli ultimi dettagli. Di sicuro ci serviremo di molti ragazzi che hanno già preso gusto a stare con chi è più giovane di loro per insegnare il football. Pressoché certe le presenze di Mattia Gallina e Kristian Giardinieri, salvo impegni. Per le ufficialità loro e di altri attendiamo ancora un po'».
Che squadra sarà?
«Conto di avere a disposizione una ventina di elementi, considerando che l’under 16 gioca a sette non sarebbe male. Ma il campionato, come sempre, si farà con chi ci sarà».
L’obiettivo?
«Vincere è sempre bello e molto importante, se non altro perché fa morale. Ma stiamo parlando di adolescenti. La cosa più importante sarà la loro formazione fisica e tecnica. Non dimentichiamoci che si spera che questi ragazzi un giorno dovranno essere i titolari della prima squadra. E’ questo il nostro vero obiettivo. Pertanto, come già detto, massima attenzione ai fondamentali del gioco. Poi a cosa significhi fare squadra. Stare in un gruppo, rispettare compagni ed avversari. Infine, senza sostituirmi ai genitori o ai professori, se serve sarò lì per i ragazzi qualsiasi cosa serva loro. Un suggerimento, un consiglio su come affrontare i problemi della vita. Formarli come uomini».
E infine spazio ad Andrea Polenta. «Fa molto piacere essere stato confermato alla guida della under 19. Sarà un viaggio quantomai stimolante».
Sarà una stagione ben differente dalle altre
«Certo. La gran parte del gruppo storico che ha raggiunto per due volte la finale dello Youth Bowl è uscito dalla squadra per limiti di età. Niente più ragazzi del ’99. Sarà una sfida nella sfida trovare il modo di sopperire alla loro assenza e formare nel contempo nuovi ragazzi».
Lo staff è confermato in toto?
«Sì. Salvo impegni di lavoro o familiari ho confermato tutti. Se qualcuno mancherà troveremo il modo di sopperire alla sua assenza, vedremo».
Obiettivo?
«L’obiettivo è fare un buon campionato, divertirsi nel corso di questa avventura».